INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Nuova perquisizione carcere di Castrogno

Scoperto detenuto con un telefonino

Aveva con sé, nascosto nell’ano, un telefono cellulare ma l’incauto nascondiglio non è sfuggito agli attenti controlli della Polizia Penitenziaria. È accaduto nel carcere teramano di Castrogno, e darne notizia è il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE. Giuseppe Pallini, segretario provinciale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, commenta: “Questo risultato è stato ottenuto grazie al monitoraggio dei poliziotti che sono riusciti a contrastare il possesso da parte dell’uomo del micro telefono cellulare, rinvenendo anche diversi cavetti usb che il detenuto, ristretto nel Reparto detentivo della Media sicurezza aveva a celati all’interno di un frigorifero”.
“Il SAPPE”, commenta Donato Capece, segretario generale, “esprime il proprio compiacimento al Personale che ha operato, a riprova della professionalità e attaccamento al dovere delle donne ed uomini della Polizia Penitenziaria del carcere di Teramo, vero “carcere di frontiera” per le critiche condizioni operative e strutturali in cui versa”. Il leader del SAPPE conclude ricordando che “anche l’altro giorno gli Agenti del Castrogno avevano rinvenuto in carcere droga ed altri apparecchi telefonici. La Polizia Penitenziaria è quotidianamente impegnata nell’attività di contrasto all’ingresso di telefonini ed alla diffusione della droga nei penitenziari per adulti e minori. Il numero elevato di tossicodipendenti richiama l’interesse degli spacciatori che tentano di trasformare la detenzione in business”.

 

Comunicato stampa

Altre notizie che potrebbero interessarti

Si schianta contro guardrail, muore 57enne

Ad allertare i soccorsi un automobilista di passaggio
Redazione IMN

Sempre più probabile la chiusura del Traforo Gran Sasso

La regione Abruzzo si prepara a dividersi a metà: è polemica tra gli automobilisti
Redazione IMN

Gran Sasso in rosa, Marsilio apre a confronto

"Il conflitto istituzionale tra il parco e le comunità locali non fa bene a nessuno"