INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Passeggeri dalla Cina in Italia: scatta l’obbligo di test Covid

Firmata l'ordinanza dal Ministro Schillaci. Misura a scopo precauzionale ai fini del contenimento della diffusione di possibili varianti del virus Sars-Cov2.

Il Ministro della Salute, Orazio Schillaci, ha disposto con ordinanza, per tutti i passeggeri provenienti dalla Cina, l’obbligo di tamponi antigenici Covid-19 e, in caso di positività, l’esecuzione di test molecolari per il relativo sequenziamento del virus.

Ai fini della identificazione e del contenimento della diffusione di possibili varianti del virus Sars-Cov2, a tutti i soggetti in ingresso dalla Cina si applica la seguente disciplina:

a) obbligo di presentazione al vettore all’atto dell’imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli, della certificazione di essersi sottoposti, nelle settantadue ore antecedenti l’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare, o, nelle quarantotto ore antecedenti, ad un test antigenico effettuati per mezzo di tampone con risultato negativo;

b) obbligo di sottoporsi ad un test antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo in aeroporto, ovvero, qualora ciò non fosse possibile, entro quarantotto ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di riferimento;

c) in caso di esito positivo del test antigenico, obbligo di sottoporsi immediatamente ad un test molecolare ai fini del successivo sequenziamento e ad isolamento fiduciario nel rispetto della normativa vigente;

d) obbligo di effettuare un ulteriore test antigenico o molecolare con esito negativo per porre termine al periodo di isolamento.

A condizione che non insorgano sintomi di COVID-19, le disposizioni non si applicano ai minori di sei anni, ai membri dell’equipaggio e al personale viaggiante dei mezzi di trasporto di persone e merci, ai funzionari e agli agenti, comunque denominati, dell’Unione europea o di organizzazioni internazionali, agli agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, ai funzionari e agli impiegati consolari, al personale militare, compreso quello in rientro dalle missioni internazionali, e delle Forze di Polizia, al personale del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e dei Vigili del fuoco nell’esercizio delle loro funzioni.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Covid: 222 nuovi positivi in Abruzzo

Eseguiti 3207 tamponi molecolari e 4213 test antigenici, 5 decessi. Sono 32 i nuovi casi in ...
Redazione IMN

Caruscino, rotatoria all’incrocio con via XX Settembre in agenda

Il sindaco dichiara: "E' collegata con il progetto marciapiedi-ciclabile verso San Pelino". L’anno ...
Gioia Chiostri

Ottantesimo anniversario del bombardamento di Massa d’Albe

Nessun invito ai consiglieri di minoranza Gianni Mancini e Giovanni Ceglie