INFO MEDIA NEWS
Cultura NEWS

Pescina e Università d’Annunzio insieme per “il compleanno” di Silone

Una delegazione della "Città di Silone e Mazzarino", guidata dal sindaco Mirko Zauri ha partecipato nei giorni scorsi ad un importante evento nel Campus dell'Ateneo abruzzese

Pescina in festa: il Primo Maggio 2024, in occasione del 124esimo anniversario della nascita di Ignazio Silone, la Città di Pescina e l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti-Pescara, onoreranno insieme il celebre autore di opere immortali come “Fontamara”, si tratta di una collaborazione in evoluzione finalizzata alla valorizzazione di un personaggio che fa volare alto il nome di Pescina.

 

Una delegazione della “Città di Silone e Mazzarino”, guidata dal sindaco Mirko Zauri ha partecipato nei giorni scorsi ad un importante evento nel Campus dell’Ateneo abruzzese, con Stanislao De Marsanich, Presidente dei Parchi Letterari e Mario Giannantonio, Coordinatore dei quattro parchi abruzzesi (dedicati rispettivamente a Gabriele D’Annunzio, Benedetto Croce, Ignazio Silone e Ovidio); proprio in occasione della “Notte internazionale della Geografia” ha aderito il Dipartimento di Lettere, Arti e Scienze Sociali con un progetto dal titolo: “Viaggio nella geografia dell’Abruzzo: immagini suoni e parole”.

 

Tra i patrocini anche: il Parco Nazionale della Maiella, il Comune di Guardiagrele, il Circolo X di Pescara, e il Parco Letterario “Ignazio Silone“, promosso nel 2022 da parte del Comune di Pescina. Come spiega Zauri: “è stato un un appuntamento ricco di temi straordinari sulla nostra regione, con il suo inestimabile patrimonio storico, culturale, artistico, nonché naturalistico e paesaggistico dei quattro Parchi Letterari abruzzesi, dal primo storico dedicato proprio a Gabriele D’Annunzio. Tutti ora sono inseriti – ha proseguito Zauri – nella stessa “Legge Quadro” sulla Cultura, riordinata da parte della Regione Abruzzo nel 2023. Un anno straordinario, che tra l’altro ha visto proprio la Città di Pescina, fare da traino, con la conquista della Finale di Capitale della Cultura 2025, confluito poi nel “Cantiere Città” del MIC, consentendo ad essa di essere designata per il 2025 a “Capitale della Cultura d’Abruzzo”, facendo così da battistrada allo stesso Capoluogo de L’ Aquila, che ora ha conseguito il titolo di “Capitale Italiana della cultura” per il 2026, a simbolo di tutte le deboli aree interne”.

 

Un’opportunità unica per Pescina come conclude il Sindaco della Città, “che ospiterà oltre la XXVII Ed. del prestigioso Premio Internazionale IS , anche la prima dedicata all’altro grande concittadino di Pescina, il Cardinale Giulio Raimondo Mazzarino, che governò la Francia del “Re Sole”, immaginando la riunificazione di una grande Europa”.

 

Per questo – conclude Zauri- il Parco Letterario IS, unitamente al Centro Studi IS, con tutta la rete regionale e nazionale dei Parchi Letterari ringrazia l’Università degli Studi G. D’Annunzio, in particolare il Dip.to di Lettere, Arti e Scienze Sociali, con la Prof.ssa Silvia Scorrano, e gli altri docenti, con tutti gli appassionati studenti siloniani del Gruppo Geofiction, insieme al Coordinamento artistico e la Regia di Fabio Di Cocco e Simone Pantalone. Durante la Notte Internazionale della Geografia è stato proiettato un video donato al Parco Letterario IS frutto di una visita alla ricerca dell’atmosfera e degli oggetti siloniani”.

 

A Pescina, lo scorso anno si è replicata la prima discussione di una Tesi di Laurea, sulla figura di Silone, militante politico e romanziere, oggi tradotto in tutto il mondo (in ultimo in Turchia), ad un anno dal varo del suo Parco Letterario, che già la illumina in tutto il mondo.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Domani ex ministro Spadafora alla Pinguino

Sarà l’occasione per inaugurare la nuova biblioteca “Nuota nella cultura” e presentare il libro ...
Redazione IMN

Madonna della Libera, tre settimane di festa

Nel programma Max Giusti, Gabriel Garko e Alex Britti
mariantonellademichele

Il messaggio del Vescovo Massaro per Pasqua

"Le delusioni non ci getteranno nello sconforto perché Cristo risorto rimane accanto a noi. Il ...
mariantonellademichele