INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Pettinari in visita ispettiva all’ospedale San Massimo

Il consigliere del M5S denuncia: "Quadro di complessivo depotenziamento sia della struttura ospedaliera, che del personale"

“La mia visita ispettiva all’ospedale di Penne ha delineato, ancora una volta, un quadro di complessivo depotenziamento sia della struttura ospedaliera, che del personale. L’ospedale San Massimo potrebbe essere un’eccellenza del nostro territorio, ma il centrodestra continua a ignorare le esigenze sanitarie dell‘area vestina, salvo ricordarsene esclusivamente quando l’ospedale di Pescara va sotto pressione”.

Commenta così il vicepresidente del Consiglio regionale, Domenico Pettinari a margine della visita ispettiva.

“All’interno dell’ospedale ho riscontrato una situazione sempre più precaria legata alla carenza di personale medico presente in struttura, che fatica ad organizzare una turnazione per via dei numeri esigui e personale non stabilizzato, che rischia di essere lasciato a casa da un momento all’altro. Questa situazione determina l’impossibilità al San Massimo di refertare dopo le 20.00 e nei weekend. Infatti tutto viene demandato all’ospedale di Pescara, il cui Pronto Soccorso, ma anche i reparti, si trovano inevitabilmente sotto pressione costringendo l’utenza ad attese estenuanti”.

“Per quanto riguarda la struttura, la situazione è ancora più cupa: l’Area Medica fino a novembre 2019 contava 40 posti letto suddivisi su 2 piani. Medicina 2 fu chiusa per lavori di tinteggiatura con la promessa che sarebbe stata riattivata nei primi mesi del 2020, ma sono rimaste solo parole al vento, infatti tutt’ora l’AFO Chirurgica del terzo piano, dopo i lavori di tinteggiatura e ristrutturazione, risulta essere inutilizzata. Privando di fatto l’ospedale di 9 stanze, da 3 posti letto l’una. Nonostante siano vuote e inutilizzate il riscaldamento è perfettamente funzionante, quindi oltre il danno anche la beffa. Questa situazione generale ha generato un accorpamento tra ortopedia, chirurgia, ginecologia, otorino e urologia causando enormi disagi a personale e cittadini. A peggiorare questo quadro già desolante abbiamo un padiglione nuovo, che al secondo piano potrebbe ospitare 22 posti letto, che però restano inutilizzati. Chiedo con determinazione alla giunta Marsilio di attivarsi celermente per il San Massimo e per tutelare il personale medico – delle cui eccellenze non ci si può ricordare solo nelle emergenze – andando a rinforzare il personale, con un piano d’assunzioni adeguato, dotandolo di una strumentazione all’avanguardia, per preservare il diritto alla salute degli Abruzzesi. Se il centrodestra pensa che l’attuale inerzia possa essere l’anticamera silenziosa per un nuovo depotenziamento della struttura, troverà Il Movimento 5 Stelle e il sottoscritto sulla sua strada, pronti a dare battaglia in tutte le sedi” conclude.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Licheri e Capaldo (SI): si elegga il garante dei detenuti subito, basta tragedie nel Carcere di Sulmona

Redazione IMN

Pescara Calcio, abruzzesi retrocedono in serie C

Il ko di Cremona manda in terza serie la squadra dopo 11 anni
Redazione IMN

VIDEO. Onore ai Vigili del Fuoco, angeli del soccorso: ad Avezzano nasce un largo cittadino che non dimentica i caduti del Corpo

Gioia Chiostri