INFO MEDIA NEWS
Cultura NEWS SLIDE TV

Primo progetto Erasmus+ dedicato ad Aielli

I partner arriveranno da Spagna, Romania, Turchia, Svezia, Bulgaria e Polonia. Il progetto è stato scritto e promosso dall’Associazione Futura di Cristina Nucci e Paola Panfili. Mission "valorizzazione borghi europei in via di spopolamento".

Approvato dall’Agenzia Nazionale Giovani il primo progetto Erasmus+ gioventù dedicato ad Aielli e ai suoi murales.

Scritto e promosso dall’Associazione Futura di Cristina Nucci e Paola Panfili, il progetto vedrà giovani di vari paesi europei convergere ad Aielli per una settimana per parlare di come rivalorizzare i borghi europei in via di spopolamento attraverso la street art.

I partner di progetto proverranno da luoghi rurali e in via di spopolamento di Spagna, Romania, Turchia, Svezia, Bulgaria e Polonia.

Workshop creativi, dibattiti e esperienze di apprendimento interculturale incoraggeranno i partecipanti a diventare cittadini attivi, condividendo le loro conoscenze con gli altri e scoprendo come l’arte possa effettivamente essere uno strumento per rivalorizzare i propri luoghi di nascita a che diventino anche luoghi del futuro e non solo del passato. In questo modo si promuoverà anche la solidarietà e la tolleranza tra i giovani provenienti da culture e background diversi, cosa fondamentale in questo momento caratterizzato dalla guerra. Il prodotto di questo scambio sarà un nuovo murales dedicato al Programma Erasmus+.

I giovani partecipanti, una volta tornati a casa, saranno impegnanti in una disseminazione di ciò che avranno appreso a beneficio di tutta la comunità giovanile a cui appartengono. Il progetto vuole essere un filo rosso che unisce le comunità partecipanti attraverso proprio il murales dedicato all’Erasmus+ che verrà quindi replicato anche sulle mura di ognuno dei paesi partner. Un gemellaggio artistico, culturale e dalla dimensione europea.

Il principale obiettivo di questo progetto è quindi quello di incoraggiare ed emancipare i giovani a che diventino cittadini attivi nelle loro comunità. L’idea è che i giovani, proprio attraverso la rivisitazione artistica degli spazi pubblici, possano far sentire la propria voce. Il “modello Aielli” potrà aiutare i giovani partecipanti a pensare ad un futuro nei propri luoghi di nascita, un futuro da protagonisti.

Altre notizie che potrebbero interessarti

In Provincia dell’Aquila da inizio emergenza ritrovate 60 carcasse

Peste suina dei cinghiali. Ricerche di eventuali capi infetti concentrate a Cagnano Aterno e a ...
Redazione IMN

Paolo Di Cristofano ringrazia Mariangela Amiconi

Il presidente della ProLoco di Magliano de' Marsi saluta il sindaco uscente
Redazione IMN

Regione, variazione bilancio settori strategici

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore Liris, ha approvato una serie di variazioni di ...
Redazione IMN