INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Rave party, “Norma nasce per allineare Italia ad altri paesi”

Il Ministro al Corriere della Sera: "Tali eventi mettono in pericolo soprattutto gli stessi partecipanti".

Il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, intervistato dal Corriere della Sera, precisa l’obiettivo della norma sui rave party: “allinearci alla legislazione degli altri Paesi europei anche ai fini di dissuadere l’organizzazione di tali eventi che mettono in pericolo soprattutto gli stessi partecipanti – ricordo che a Modena si ballava in un capannone pericolante e si rischiava una strage – e finiscono per tenere in scacco intere zone, pregiudicando attività commerciali e viabilità”.

“In ogni caso – continua il Ministro dell’Interno – la conversione dei decreti si fa in Parlamento, non sui social – aggiunge -. In quella sede ogni proposta sarà esaminata dal governo“. La sua intervista al Corriere della Sera è stata ripresa dall’Ansa.it.

Quando gli si fa notare che la manifestazione di Predappio non è stata fermata, replica che “si tratta di una manifestazione, una pagliacciata, che deploro nella maniera più assoluta. Si svolge da anni, senza incidenti e sotto il controllo delle Forze di polizia” e “posso assicurare” che “segnaleranno all’autorità giudiziaria tutti gli eventuali comportamenti in violazione delle disposizioni vigenti”.

Alla Sapienza “le forze di polizia sono intervenute per evitare il contatto rischioso tra gli organizzatori del convegno e i manifestanti”. Mentre intervenire allo stadio di Milano, quando gli ultras hanno sgomberato la curva, avrebbe potuto creare pericolo. Piantedosi risponde poi sulle ONG e l’immigrazione: “Abbiamo agito sin da subito per dare un segnale immediato agli Stati di bandiera: non possiamo farci carico dei migranti raccolti in mare da navi straniere che operano sistematicamente senza alcun preventivo coordinamento delle autorità. Al momento questi eventi rappresentano il 16% delle persone sbarcate in Italia“.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Movida violenta ad Avezzano

Gli esercenti si riuniscono per una soluzione.
Redazione IMN

Rete irrigua, Di Nicola: “Il silenzio di alcuni attori politici è scandaloso”

"Gli agricoltori del Fucino hanno difficoltà a vendere la loro produzione, perché questa ha un ...
Redazione IMN

Accordo “Aia dei Musei” e “IIS Serpieri”

Gli studenti potranno accrescere le competenze culturali e storiche
Redazione IMN