INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

La Pinguino partecipa alla manifestazione in difesa del tribunale

Anche la Pinguino Nuoto ha deciso di prendere parte alla manifestazione organizzata dal consiglio dell’ordine forense

Avvocati in strada per difendere il tribunale di Avezzano. Anche la Pinguino Nuoto ha deciso di prendere parte alla manifestazione organizzata dal consiglio dell’ordine forense contro la chiusura dell’importante istituzione.

Venerdì 21 ottobre una rappresentanza della realtà natatoria avezzanese parteciperà alla protesta che si terrà di fronte al presidio di giustizia della città, per condividere le azioni e gli obiettivi dei professionisti del territorio che vogliono far sentire la propria voce.

“Il tribunale di Avezzano è un presidio di legalità e va difeso da tutti noi”, ha dichiarato il direttore tecnico della Pinguino Nazzareno Di Matteo, “dobbiamo ritrovare quello spirito comune nella difesa del nostro territorio marsicano. È importante fare rete, soprattutto in queste delicate situazioni, perché ognuno di noi dipende dall’altro. Dobbiamo essere in grado di farci forza e sostenerci per raggiungere risultati concreti”.

Il presidente dell’ordine degli avvocati, Franco Colucci ha spiegato che la manifestazione non si terrà soltanto per “evitare la soppressione dell’importante istituzione, non solo per l’attività giudiziaria lì svolta, ma anche per gli avvocati, per i dipendenti, per i professionisti tutti, ma anche per tutto il territorio marsicano, essendo il tribunale determinante polo giudiziario, sociale, economico e culturale”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Ristorazione e turismo: da Centrodestra progetto da 10 milioni

Dalla Regione Abruzzo boccata di ossigeno. Nel progetto di legge è previsto un fondo “Piccolo ...
Redazione IMN

Donne oggetto e soggetto di violenza verbale e atti intimidatori: Cgil L’Aquila esprime solidarietà

Redazione IMN

Tavolo LFoundry al MiSe, assente il Governo regionale

Fedele: «Uno schiaffo al territorio da chi si è riempito la bocca con vane promesse»
Redazione IMN